ACIKOF SONG

La migrazione, sempre uguale a sé stessa, si racconta attraverso Acikof che desidera un futuro migliore ma anche, e soprattutto, tornare a casa, Acikof che soffre e che spera. Che chiede, perché ne ha il diritto. Mimmo racconta che Acikof è il nome di un emigrato dell’est, Francesca aveva appena scritto un testo sulla storia del migrante così lo adottò. “…Le spiagge che si vedono lontane, appese nel bagliore della luce di un lampione sono il sorriso antico di un uomo generoso…”. Il brano Acikof Song è stato trascritto anche in dialetto calabrese.